fbpx

Tasse per l’acquisto di una seconda casa

SECONDA CASA

La seconda casa è quell’ immobile ad uso abitativo posseduto oltre all’abitazione principale, ove si risiede in maniera occasionale.
Immobile utilizzato per le vacanze o per concederlo in locazione traendone un profitto.
A differenza della prima casa che beneficia di particolari agevolazioni, la seconda casa ne rimane esclusa.

 

QUANTO SI PAGA PER LA SECONDA CASA?

Le aliquote calcolabili sulla seconda casa sono quelle ordinarie.

Se l’acquisto avviene da privato, si dovranno pagare i seguenti importi:
– 9% di imposta di registro calcolato sul prezzo o sul valore catastale dell’ immobile.
Nel caso in cui dovesse risultare un importo inferiore ai 1000 euro, che è il valore minimo di questa imposta, l’imposta sarà innalzata a 1000 euro;
– imposta ipotecaria di 50,00 euro;
– imposta catastale di 50,00 euro.

Se l’acquisto avviene da impresa costruttrice:

– 10% di iva calcolato sul prezzo della cessione per quanto riguarda le abitazioni classificate o classificabili nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9 (immobili di lusso);
mentre l’IVA sarà al 22% in caso di acquisto di immobili classificati di lusso A/1, A/8 e A/9.
– € 200 di imposta di registro;
– € 200 di imposta ipotecaria;
– € 200 di imposta catastale

 

 

TASSE PER IL MANTENIMENTO DELLA SECONDA CASA:

– IMU (acronimo di Imposta Municipale Unica) è una tassa di natura patrimoniale il cui presupposto è la proprietà o il possesso di un bene.
Deve essere pagata dai possessori degli immobili, aree fabbricabili e terreni, escluse le abitazioni principali non di lusso.
La rendita catastale viene rivalutata in base alla tipologia dell’ immobile e successivamente viene calcolato con le aliquote di riferimento.
L’aliquota base Imu 2020 per la seconda casa è fissata allo 0,86% e il Comune può decidere autonomamente di aumentare o diminuire l’aliquota, a determinate condizioni ed entro determinati limiti.
La nuova IMU 2020 mantiene l’esenzione per la prima casa per IMU

– TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) riguarda i servizi pubblici che il Comune mette a disposizione per soddisfare l’interesse pubblico.
Ad esempio: illuminazione stradale, servizio socio-assistenziali, tutela del patrimonio artistico e delle aree comunali.

La Legge di Bilancio n. 160/2019 ha unificato IMU e TASI, (ad eccezione della TARI), diventanto così un unico tributo che andrà pagato sugli immobili che non sono abitazione principale.

-TARI Tassa per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti spettante a colui che detiene o occupa a qualsiasi titolo un’immobile.
Viene calcolata tenendo conto del numero dei componenti del nucleo familiare e della superficie in mq dell’immobile.
Per il pagamento verrà utilizzato il modello F24,il bollettino postale o il bollettivo MAV

 

 

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare
Apri chat
1
Buongiorno,
come possiamo aiutarla?